Verdi a Custoza

Il canto della vita
14 settembre 2019 – Corte Cavalchina

Giuseppe Verdi, amatissimo compositore dell’Ottocento, approda a Custoza con alcune delle sue più celebri opere, eseguite in un’insolita trascrizione per pianoforte e clarinetto.

Precedute dal racconto della loro creazione si ascolteranno, in una scena-scultura che ricorda il bosco delle fiabe, fantasie dall’esotica Aida, del fosco Rigoletto, del visionario Macbeth, dello scintillante Ballo, del baluginante Trovatore.

Il 14 settembre alla Cavalchina sotto il cielo stellato, se stelle ci saranno, non perdete Il canto della vita, la nuova produzione firmata Créa.

Il luogo dell’incontro

Corte Cavalchina, Custoza

Il cascinale La Cavalchina, che ospita il moderno agriturismo Nico Bresaola, è uno dei principali luoghi storici di Custoza (Verona). Al suo interno e attorno alla sua cinta, si svolse parte della battaglia combattuta tre le forze italiane e quelle austriache, il 24 giugno 1866. Nel corso della mattina, il cascinale per sua struttura facilmente fortificabile fu aspramente conteso tra la fanteria imperiale e i granatieri regi. Qui, venne ferito il principe Amedeo d’Aosta e ucciso, tra gli altri, il luogotenente Stefano Messaggi, ricordato da una targa sul muro, che costeggia la via per Sommacampagna.   

Lascia un commento